Spread, l'Italia supera la Spagna

Spread italiano 189,5 punti. Dopo l'aggancio di ieri, il sorpasso. Spagna superata.

Dopo aver passato anche l’impegnativa prova delle aste di medio-lungo termine il governo Renzi oggi può festeggiare la discesa dello spread italiano sotto quello spagnolo, il tutto nell’ottica che il Tesoro paghi meno interessi sul suo (nostro) mostruoso debito: quello circolante ammonta a 1.735 miliardi (su oltre 2mila miliardi di totale) e in mano ai risparmiatori italiani, Secondo Palazzo Koch, ci sono 183 miliardi di titoli di Stato.

Ma dicevamo della giornata sul secondario italiano. Dopo l’ultima asta della settimana - che conferma il rafforzamento della fiducia degli investitori nei titoli del nostro debito -, con l’atteso banco di prova del Btp decennale (il tasso è sceso al minimo dal 2005), lo spread BTp/Bund tedeschi a 10 anni ha chiuso sotto i 190 punti base.


L'Italia mette così la freccia in corsia di sorpasso sulla Spagna, con il differenziale BTp/Bund che archivia la giornata operativa a 189,5 punti base per un tasso di rendimento del BTp al 3,48% contro uno spread Bonos-Bund che ha chiuso a 192 punti, con un tasso del decennale iberico al 3,48%.

Sul fronte azionario Piazza Affari ha chiuso in negativo la seduta odierna ma comunque al di sopra dei minimi (Ftse Mib -0,38%, a 20.320 punti) in scia alla crisi ucraina: gli sviluppi del dopo Yanukovich spaventano i mercati.

  • shares
  • Mail