In partenza un treno di aumenti tariffari...

Treni tariffe ...prospettato con il nuovo anno solare 2007. Le variazioni di prezzo riguarderanno significativamente i treni di "fascia alta" tra cui Eurostar ed Intercity per un aumento del 15% del costo del biglietto.
L'adeguamento minimo previsto del 3% per tutti i mezzi su doppia rotaia non riguarderà però alcune fasce di utenza protette ed in particolare i pendolari, per i quali Adiconsum richiede tramite comunicato l'esenzione dagli aumenti anche sui treni "luxury" come Intercity ed Eurostar.

La misura intende colmare il divario tariffario con la media europea di molto superiore (non solo per i prezzi, da quanto ci risulta!!) oltre sanare il rovinoso deficit aziendale (intorno ai 2 miliardi), agendo sulla flessibilità della domanda nel rispetto della tutela garantita alle fasce sociali e realtà geografiche più "deboli".
Secondo quanto emerso da dati Trenitalia infatti il costo unitario per chilometro, per un cliente che viaggia sui treni regionali di Trenitalia, e' di 3,3 euro, mentre in Germania, i pendolari spendono madiamente 7,2 euro e in Francia 10,8 euro. Ultimo posto anche per i corrispettivi pubblici e i ricavi unitari.

Non saranno, almeno per il momento, interessati dai rincari espressi, interregionali e regionali, che guarda a caso hanno subito una drastica riduzione negli anni a favore di servizi più celeri.
Se l'adeguamento medio sarà pari a circa il 9% bisogna comunque tener presente che verranno applicate maggiorazioni differenziate in base ai piani tariffari regionali; le regioni per Trenitalia si dividono infatti in tre fasce:


  • regioni con tariffe basse (Molise, Sardegna, Basilicata),

  • regioni con tariffe elevate (Lombardia, Liguria, Puglia, Piemonte, Toscana),

  • regioni con un livello tariffario intermedio.

Se partendo da Milano voleste arrivare a Mantova passate per Verona, gran bella città che vi farà risparmiare sul biglietto del treno!!

  • shares
  • Mail