Wikiasari: l'open source sfida Google

Wikiasari Partirà tra pochi mesi un nuovo crowler firmato Jimmy Wales per la ricerca "open source" sulla rete. L'inventore di Wikipedia ha infatti sviluppato un ambizioso progetto finanziato con capitali Amazon per rivoluzionare il sistema di Page Rank imposto da Google. L'obiettivo è quello di soppiantare i vecchi criteri di ricerca quantitativi del modus operandi Google per introdurre un sistema valutativo umano, in cui gli utenti potranno valutare la pertinenza dei risultati della search.

Qualcuno l'ha già definito un progetto di "social search engine", stretto parente del social bookmarking e figlio diretto di Wikipedia, di cui eredita il cromosoma "open source". In qualunque modo lo vogliate etichettare si tratta sicuramente di una salutare sfida ad un sistema proprietario di cui molti hanno già imparato i meccanismi.

Wales pare abbia battezzato la sua nuova creatura prima della nascita con un nome dalla semantica globale: si chiamerà infatti Wikiasari dall'Hawaiano "Wiki" (Veloce) e dal giapponese "Asari" (Ricerca).
Non sembra particolarmente proccupato dalla consolidata ed elefantiaca presenza sul mercato di altri operatori come Google o Yahoo, il padre di Wikipedia, che anzi raccoglie la sfida sicuro del successo della trasparenza su stantie logiche commerciali.

Come emerge dall'intervista concessa al Times Wales è convinto che gli algoritmi di ricerca impostati da Google vengano utilizzati come veicolo di spam portando l'utente, nella maggior parte dei casi a risultati inutili e assolutamente poco pertinenti alla query.
Il sistema Wikiasari privilegerà i contenuti Wikipedia (prime tre posizioni della search) e i risultati valutati pertinenti ed affidabili dal network (link a e da wikipedia). Il motore di ricerca sarà naturalmente basato su una tecnologia "open" e concesso in licenza GFDN (GNU Free Documentation License) secondo le regole del "copy left".

Qui potete trovare una screen-shot pubblicata da Techcrunch della versione in fieri di Wikiasari, provvisoriamente chiamato, nella piattaforma di sviluppo, Wikisearch.

  • shares
  • Mail