Chi non sciopera a capodanno non sciopera tutto l'anno!

taxi veltroni
A capodanno si mangia, si beve, si sparano i mortaretti, ci si diverte e si allena la pazienza.

A capodanno festeggiano tutti, in particolar modo i tassisti di Roma che, approfittando degli scioperi dell'ultim'ora con la benedizione di Atac e metropolitana di Roma, possono vergognosamente batter cassa e spennare così i turisti dell'ultim'ora (e non solo quelli).

Mentre nelle capitali europee le corse dei mezzi vengono prolungate per permettere a cittadini e ai turisti (all'estero la differenza non comporta sempre disparità di trattamento) di usufruire del trasporto pubblico locale, senza sacrificare festeggiamenti vari, nel capoluogo laziale non tutti la pensano allo stesso modo.

Ecco quindi uno sciopero improvvisato da Atac e metropolitana di Roma con non si capisce con quale obiettivo se non quello di mettere in ginocchio un'intera città e arricchire la categoria di turno "non protetta" (prendiamo nota).

Per andare da Roma a Ostia antica (20 km suppergiù) un tassista, l'unico che si é offerto di portarci, ci ha chiesto il prezzo "disonesto" di 120 euro. Rispondiamo picche e la portiera si chiude. Dopo un'ora a rimbalzare da una vettura all'altra la spuntiamo con una corsa di 50 euro. Naturalmente il prezzo del viaggio l'abbiamo accordato prima: il tassinaro non ha voluto saperne di accendere il tassametro.

Altro che andare in giro a piangere miseria sulle liberalizzazioni!

  • shares
  • Mail