Saldi invernali: il conto alla rovescia é già iniziato!

saldi inverno 2007
Confcommercio ha pubblicato sul proprio sito il calendario dei saldi invernali toccherà a Napoli e l'Aquila inaugurare la stagione (5 gennaio) seguite da Genova, Ancona e Torino (6 gennaio). Un giro d'affari da 4,5 miliardi quasi il 4% in più dello scorso inverno. (leggi)

Confcommercio ricorda poi alcuni "principi di base", diritti e doveri per clienti e commercianti.

I cambi: la possibilità di cambiare il capo dopo l'acquisto è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme. In questo caso scatta l'obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso in cui risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.

Prova dei capi: non c'è un obbligo ma dipende dalla discrezionalità del negoziante.

Carte di credito: devono essere accettate da parte del negoziante qualora sia esposto, nel punto vendita, l'adesivo che attesta la relativa convenzione.

Prodotti in vendita: i capi che vengono proposti in saldo hanno carattere stagionale o di moda, e sono quindi quelli suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Ma nulla vieta di porre in vendita anche capi non appartenenti alla stagione in corso.

Indicazione del prezzo: il negoziante ha l'obbligo di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale. Confcommercio ricorda anche "che ulteriori vantaggi o facilitazioni ai consumatori possono essere offerti dai commercianti che aderiscono alle iniziative promosse sull'intero territorio" dalle organizzazioni di settore, come Federmoditalia.

SCARICA IL CALENDARIO CON I SALDI REGIONE PER REGIONE

  • shares
  • Mail