Istat: l'inflazione ai minimi dal 2009. A marzo 2014 è +0,4% rispetto al 2013

L'Indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività aumentato rispetto al mese precedente dello 0,1%.

L'Istat oggi ha diffuso i dati provvisori sui prezzi al consumo relativi al mese di marzo 2014 e nella sua nota ha fatto notare che l'Indice nazionale dei prezzo al consumo per l'intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, è aumentato dello 0,1% rispetto allo scorso mese di febbraio ed è cresciuto dello 0,4% rispetto a marzo 2013. La crescita su base annuale è inferiore rispetto a mese precedente, quando era del +0,5%.

L'Istat spiega che il rallentamento dell'inflazione è dovuto alla "flessione su base annua dei prezzi dei beni energetici non regolamentati e degli alimentari non lavorati" e anche all'attenuazione delle dinamiche inflazionistiche di tutte le altre tipologie di beni e servizi.

Dall'1,0% di febbraio 2014, questo mese l'inflazione di fondo è scesa allo 0,9% al netto degli alimentari freschi e dei beni energetici. Se la si considera solo al netto dei beni energetici il rallentamento è di due decimi di punto percentuale e dunque è dello 0,8%. Sale invece dallo 0,1% di febbraio allo 0,2% l'inflazione acquisita per il 2014 che rappresenta la variazione media annua dell'indice che si avrebbe se si ipotizzasse che nei restanti mesi dell'anno l'indice resta allo stesso livello dell'ultimo dato mensile disponibile.

Il lieve aumento mensile dell'indice generale è dovuto al rialzo dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti, che è stato dello 0,6%, ma anche dei servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona, aumentati dello 0,3%. Un'altra causa p l'aumento congiunturale dei prezzi dei servizi relativi all'abitazione, anch'esso dello 0,3%.

L'Istat fa notare che i prezzi dei beni rispetto a marzo 2013 sono diminuiti dello 0,4% (a febbraio era -0,15) e il tasso di crescita dei prezzi dei servizi è sceso, all'1,2% di febbraio, all'1,0%. Ne consegue che il differenziale inflazionistico tra servizi e beni è aumentato di un decimo di punto percentuale rispetto a febbraio 2014.

Per quanto riguarda i beni alimentari e quelli per la cura della persona e della casa, i loro prezzi sono aumentati dello 0,7% su base annua e sono diminuiti dello 0,3% su base mensile.

Inflazione-marzo-2014

Immagine © Istat

  • shares
  • Mail