Fatti furbo caro Stato (e passa a Linux!)

linux
Della petizione per far passare anche l'Italia a Linux ne abbiamo già parlato.

Se paesi come il Marocco, che di sicuro hanno più bisogno di risparmiare rispetto a noi, già hanno fatto il salto passando al software libero, perché la "nostra" Pubblica Amministrazione si ostina a spendere cosi tanto denaro per acquistare software proprietari quando se ne potrebbero usare di analoghi, distribuiti liberamente, opensource, free, insomma aggratis?

La domanda ce l'eravamo già posta ricordate? (leggi)

Almeno quattro ragioni per la scelta del software libbero

  • la qualità di Linux è riconosciuta in tutto il mondo;
  • la disponibilità di supporto tecnico internazionale attraverso Mandriva e locale attraverso Liberty Tech;
  • il desiderio di svincolarsi il più possibile da soluzioni do software proprietario;
  • il budget: le spese in termini di acquisto e di supporto sono stare ridotte dell'80%.

Ridurre il deficit del settore pubblico non è solo prerogativa dei nostri politici ma è anche e senza dubbio un obiettivo importante per tutti noi che paghiamo le tasse (anche se a volte i nostri politici se lo dimenticano) e gli stipendi dei nostri rappresentanti.

Io, che nel pubblico ci ho lavorato ne so qualcosa, quando le pubbliche amministrazioni spendono decine di migliaia di euro dei contribuenti per siti che non funzionano e per software proprietari quando potrebbero spenderne quasi zero ed ottenere gli stessi risultati ci si comincia a chiedere fino a dove davvero si spinga l'analfabetizzazione informatica delle P.A. e dove invece comincino altri interessi (quali poi ancora non ci è dato sapere).

A titolo di puro esempio, nell'anno 2004 sono stati spesi in software applicativo 483,801 Milioni di Euro, che si vanno a sommare ai 438,728 Milioni di Euro destinati ad hardware e software di base. Questi dati includono solo una minima parte delle risorse destinate a questo scopo perché riguardano solo le spese delle amministrazioni centrali. Solo il Comune di Milano, in licenze Microsoft, destina circa trecentomila euro ogni anno. (leggi)

Fatevi voi due conti...

FIRMATE LA PETIZIONE

  • shares
  • Mail