Istat: reddito famiglie +0,3% nel 2013 ma cala il potere d'acquisto

Cala il potere d'acquisto e la spesa per i consumi finali. Ad aumentare è soprattutto la propensione al risparmio (+9,8%).


    Aggiornamento. Il livello del potere d'acquisto complessivo delle famiglie registrato nel 2013 è il più basso dal 1995 e da allora ad oggi c'è di mezzo anche l'introduzione dell'euro. L'Istat precisa che non si tratta di un dato medio per nucleo, ma di un valore espresso in termini reali relativo al complesso delle risorse delle famiglie.

Secondo i dati diffusi poco fa dall'Istat nel 2013 in Italia il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è lievemente cresciuto in valori correnti, per la precisione dello 0,3%.

Nell'ultimo trimestre dell'anno scorso il reddito disponibile è risultato invariato rispetto al trimestre precedente salendo però dell'1,1% rispetto al corrispondente periodo del 2012.

Cresce anche la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici che è stata pari al 9,8% con un aumento dell'1,4% rispetto all'anno precedente. Al netto della stagionalità nel quarto trimestre del 2013 la propensione a riempire il salvadanaio è stata uguale al 10,2%, in sostanza stabile sui tre mesi precedenti (+0,1%) ma in deciso aumento, di 1,7 punti percentuali, rispetto allo stesso trimestre del 2012.

A rimanere sempre al palo sono i consumi finali, con la spesa relativa in contrazione dell'1,3%. L'Istituto nazionale di statistica registra infatti che il potere d'acquisto delle famiglie italiane, ovvero il reddito disponibile in termini reali, tenendo conto dell'inflazione è diminuito dell'1,1% nel 2013. Nell'ultimo trimestre dell'anno scorso il potere d'acquisto è risultato in lieve calo rispetto al trimestre precedente (-0,1%), pur aumentando dello 0,4% sul quarto trimestre del 2012.

Sempre nel 2013 la quota di profitto delle società non finanziarie si è attestata al 39,2%, +0,1% sul 2012, mentre il tasso di investimento delle società non finanziarie è risultato in calo al 19,6%, per una flessione di 0,6 punti percentuali rispetto all'anno precedente.

(Nel video in alto: Istat, redditi e consumi delle famiglie ancora in calo - luglio 2013)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail