S&P ritira il rating sul Comune di Napoli dopo peggioramento outlook

L'assessore al bilancio partenopeo: "abbiamo disdetto noi il contratto con l'agenzia" in un'ottica di riduzione delle spese.

L'agenzia di rating internazionale Standard & Poor's declassa da "stabili” a "negative" le prospettive di medio termine (outlook) sul rating della città di Napoli che rimane BB (area di non investimento, grandi incertezze per gli impegni finanziari) precisando anche di aver ritirato il rating "su richiesta dell'emittente".

Per S&P il Comune di Napoli non riesce a sanare le alte passività arretrate, senza dimenticare che le riforme fiscali varate dal governo Renzi potrebbero indebolire ulteriormente la liquidità dell'amministrazione cittadina, guidata dall'ex magistrato Luigi de Magistris.

Il Comune ha 650 milioni di debiti fuori bilancio e 783 milioni di disavanzo. A un passo dal crack insomma. Il mese scorso la Corte dei Conti ha pure respinto il piano di riequilibrio finanziario decennale presentato dall'amministrazione partenopea (nel video in alto).

L'assessore al Bilancio del comune partenopeo Salvatore Palma spiega così la scelta di disdire il contratto con l'agenzia d rating statunitense:

"L'amministrazione aveva contratti con tre agenzie e, visto che siamo in una fase di riduzione delle spese e di efficientamento, abbiamo disdetto due contratti, tra cui quello con Standard & Poor's"


A occuparsi dell'andamento dei conti e dell'affidabilità finanziaria del Comune di Napoli rimane ora solo l'agenzia di rating Fitch.

Confermati invece da S&P i rating di Torino (BBB) e del Friuli Venezia Giulia (BBB). A proposito del giudizio sul capoluogo del Piemonte l'agenzia di rating precisa che questo è limitato dal tetto del rating sovrano dell'Italia, che è BBB con outlook negativo. Tuttavia il merito di credito indicativo di Torino è pari ad A-, sigla che sintetizza la combinazione tra profilo creditizio individuale dell'ente e l'assetto istituzionale in cui opera. Un giudizio che:

"non equivale a un rating ma è uno strumento per valutare il profilo creditizio intrinseco di un ente territoriale, non considerando il tetto determinato dal rating del Paese".

scrive in una nota l'agenzia.

S&P Napoli

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail