Prorogata la detassazione del salario di produttività

La speciale agevolazione è prevista dalla legge di Stabilità 2013. Provvedimento in G.U.

Con il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 19 febbraio 2014 pubblicato in Gazzetta Ufficiale ieri (n. 98) parte la detassazione del salario di produttività per i lavoratori che nell’anno 2013 hanno avuto un reddito non superiore a 40 mila euro e nel limite massimo di 3.000 euro lordi di paga, limite innalzato di 500 euro rispetto all’anno scorso.

Per i lavoratori dipendenti nel 2014 la possibilità di pagare le tasse in misura ridotta, cioè Irpef con l’aliquota del 10%, si applica anche alle voci di retribuzione che prevedano misure di flessibilità dell’orario lavorativo, delle ferie, dell’impiego di nuove tecnologie e di adattamento delle mansioni.

La detassazione della retribuzione di produttività è una agevolazione speciale prevista per favorire l'aumento della produttività del lavoro ed è stata prorogata anche per il 2014 dalla legge di Stabilità 2013.

Con il decreto pubblicato in G.U. si precisa che per l'anno corrente l'agevolazione si applica con esclusivo riferimento al settore privato e per i titolari di reddito da lavoro dipendente non superiore nell'anno precedente a 40.000 euro, cifra da intendersi al lordo delle somme eventualmente assoggettate nel 2013 alla speciale detassazione.


(Nel video in alto: l'allora ministro dell'Economia Grilli spiega che la sua manovra prevede la detassazione dei salari legati a un aumento di produttività, "Ballarò" - 6.11.2012)

Produzione industriale Italia luglio 2013

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail