Poste ed Enav: privatizzazioni al via

Ieri il Consiglio dei Ministri ha dato l'ok, lo Stato manterrà la quota di controllo sia in Poste che in Enav.

Privatizzazioni al via. Il debito pubblico pesa come un macigno, servono risorse da liberare e il governo Renzi vuole fare cassa vendendo alcuni dei gioiellini di famiglia, o meglio una loro parte. Così ieri il Consiglio Ministri ha messo nero su bianco la cessione del 49% di Enav, l’Ente nazionale di controllo per l’aviazione civile che finora apparteneva al 100% al Tesoro, e del 40% di Poste.

La cessione di quote non di controllo delle due aziende in realtà era già stata decisa dal precedente governo Letta. L'ex ministro dell'Economia Saccomanni contava di incassare 5 miliardi dalle cessioni.

Per Enav lo Stato manterrà la quota di controllo dell'ente con il 51%. Il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri:

“prevede l'alienazione della partecipazione detenuta dal Ministero dell'economia e delle finanze del capitale di Enav fino al 49%"

cioè:

"la cessione di una quota che assicuri il mantenimento in capo allo Stato di una quota di controllo assoluto (51%)".

Per assicurare la più alta flessibilità durante il processo di vendita, si legge ancora nella nota diffusa da Palazzo Chigi:?

"lo schema di decreto prevede che l'operazione potrà essere effettuata anche in più fasi, ricorrendo, anche congiuntamente, a un'offerta pubblica di vendita (rivolta al pubblico dei risparmiatori in Italia, inclusi i dipendenti di Enav e delle sue controllate, e/o a investitori italiani e istituzioni), e/o a una trattativa diretta da realizzare attraverso procedure competitive e comunque assicurando che non insorgano situazioni di conflitti di interessi".


Per la privatizzazione di Enav, che gestisce qualcosa come 2 milioni e 600mila voli in un anno:

"sono previsti incentivi per i dipendenti in caso di offerta pubblica di vendita. La delibera del Consiglio dei Ministri prevede comunque l'offerta pubblica quale percorso prioritario da perseguire, in presenza di un adeguato contesto di mercato".

Per Poste italiane il governo è intenzionato a mettere sul mercato a quota non superiore al 40% e anche qui la cessione potrà avvenire in più fasi:

"viene regolamentata l'alienazione di una quota della partecipazione non superiore al 40%, disponendo che tale cessione - che potrà essere effettuata anche in più fasi - si realizzi attraverso un'offerta pubblica di vendita rivolta al pubblico dei risparmiatori in Italia, inclusi i dipendenti del Gruppo Poste Italiane, e/o a investitori istituzionali italiani e internazionali".

Inoltre lo schema di decreto:


“prevede che, al fine di favorirne la partecipazione all'offerta, potranno essere previste per i dipendenti del Gruppo Poste Italiane forme di incentivazione, tenuto conto anche della prassi di mercato e di precedenti operazioni di privatizzazione, in termini di quote dell'offerta riservate (tranche dell'offerta riservata e lotti minimi garantiti) e/o di prezzo (ad esempio, come in precedenti operazioni di privatizzazione, bonus share maggiorata rispetto al pubblico indistinto) e/o di modalità di finanziamento".

Lo Stato attraverso il Ministero dell'economia e delle finanze fin qui ha detenuto il 100% del capitale di Poste Italiane che nel 2013 ha raggiunto un fatturato di 26 miliardi di euro per un utile netto di un miliardo.

Privatizzazioni governo REnzi

© Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail