Piazza Affari apre sulla parità. Borse Ue deboli

Lo spread Btp/Bund apre stabile rispetto alla chiusura di ieri, a 161 punti base.

Avvio di seduta sulla parità a Piazza Affari con l'indice principale Ftse Mib che dopo i primi scambi cala dello 0,05%, in linea con il resto delle maggiori borse europee, tutte deboli.

Alla city di Londra il Ftse 100 cede lo 0,23%. Piatte o sotto la parità anche Amsterdam Francoforte e Parigi mentre in Asia la borsa Tokyo ha chiuso con l'indice Nikkei in ribasso dello 0,34% a 14.632,38 punti, dopo sei sedute positive di fila nonostante l'aumento dell'inflazione giapponese al 3,2% e la buona chiusura ieri di Wall Street.

Il dato sul Pil americano del primo trimestre 2014 diffuso ieri segnala una inattesa riduzione dell’1% sul trimestre precedente quando la crescita era stata pari a un +2,6%.

I mercati non si sono però allarmati più di tanto per la battuta d'arresto della ripresa americana perché in compenso le richieste di sussidi di disoccupazione in Usa sono calate al minimo dal 2007.

Jason Furman, presidente del consiglio degli economisti della Casa Bianca ha commentato:

«È un rallentamento temporaneo, influenzato da vari fattori, fra cui l’ondata di maltempo senza precedenti (...); le scorte hanno rallentato la crescita più del previsto, i consumi sono saliti del 3,1%, ma le spese per i servizi, soprattutto il riscaldamento, sono salite del 4,3%. Un’interruzione temporanea, è il messaggio dello staff economico di Obama, che fa notare come i dati su occupazione, manifatturiero e immobiliare usciti in marzo e aprile «mostrano che la ripresa dalla peggiore recessione dalla Grande Depressione continua».

Tornando a casa nostra, ma sul mercato obbligazionario, lo spread Btp/Bund viaggia stabile sui 161 punti base sul secondario italiano, per un rendimento del Btp decennale sotto il3%, al 2,97%.

Piazza Affari 21 agosto

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail