Gennaio 2007, scende l'inflazione: tutto merito del nuovo paniere dell'Istat?

paniere istat 2007
A Gennaio l'inflazione è scesa all'1,7%. I cali maggiori sono stati registrati per il gasolio, il cui prezzo è diminuito dello 0,5% su base mensile e del 2,4% su base annua. (leggi) Sempre più presenti, nelle case degli italiani: gelato multipack (sostituisce la torta gelato), sughi pronti, sandalo da donna (al posto delle pantofole), multipresa (sostituisce il cavo elettrico), riparazione di moto, scheda di memoria per macchine fotografiche digitali (al posto della pellicola) e stampa di foto digitale. Escono, invece, perchè poco rappresentativi, calcolatrice tascabile, videocassetta e sveglia a pile. Il contributo all’inflazione dei beni energetici è cresciuto dal 6,2675 del 2006 a 8,2.

E l’Istat presenta, sempre oggi, le principali novità sulla rilevazione dei prezzi al consumo per l’anno 2007: piumino al posto della coperta e macchina digitale al posto di quella a rullino. Tra le nuove entrate anche: filo interdentale, sedili porta bambini per auto, scuole d'infanzia private, visite a monumenti storici, assicurazione infortuni. Mentre esce la tariffa degli avvocati, dopo il primo decreto Bersani. (Scarica il testo integrale in formato .pdf dal sito ufficiale dell'Istat)

Ecco le principali novità del 2007 per il paniere dei prodotti utilizzato per il calcolo dell'inflazione:


  • Rispetto all’anno precedente escono dal paniere le posizioni: Torta gelato, Pantofole da donna, Coperta, Cavo elettrico, Apparecchio fotografico, Calcolatrice tascabile, Videocassetta, Pellicola fotografica a colori, Sveglia a pile, Sviluppo pellicola a colori, Avvocato-tariffa ordine degli avvocati.
  • Entrano nel paniere le posizioni: Gelati multipack, Sughi pronti, Sandali da donna, Piumino da letto, Multipresa elettrica, Riparazione moto, Scheda di memoria per macchine fotografiche digitali, Visita a monumento storico, Stampa da foto digitale, Scuola dell’infanzia, Filo interdentale, Sedili porta bambini per automobili, Assicurazione sugli infortuni.
  • Altre posizioni hanno subito importanti variazioni, tra queste: i prodotti ittici freschi sono stati raggruppati nelle posizioni composite Pesce fresco di mare di pescata, Pesce fresco di mare di allevamento, Pesce fresco di acqua dolce, Molluschi freschi, Crostacei freschi.
  • Nella struttura di ponderazione degli indici, considerando l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), sei capitoli registrano un incremento del loro peso relativo: Prodotti alimentari e bevande, Bevande alcoliche e tabacchi, Abitazione, acqua, elettricità e combustibili, Servizi sanitari e spese per la salute, Trasporti, Servizi ricettivi e di ristorazione. In termini assoluti, la diminuzione più rilevante riguarda il capitolo Mobili, articoli e servizi per la casa.
  • I comuni capoluogo di provincia che concorrono al calcolo dell’indice nazionale sono 85. La copertura in termini di popolazione provinciale è dell’88,9%. I punti vendita coinvolti nella rilevazione sono circa 40.000, ai quali si aggiungono circa 10.000 abitazioni interessate alla rilevazione degli affitti. Nel complesso, sono circa 400.000 le quotazioni di prezzo raccolte sul territorio e inviate ogni mese all’Istat dagli Uffici comunali di statistica.
  • shares
  • Mail