Bce: tassi d'interesse tagliati al minimo storico dello 0,15%

Il tasso sui depositi delle banche presso l'eurosistema per la prima volta diventa negativo. Reazione positiva dei mercati. Spread giù di 3 punti, l'euro si deprezza sul dollaro.


    Aggiornamento ore 21:00. Per combattere la carenza di credito la Bce ha comunicato di aver previsto nuove aste di liquidità a lunghissimo termine e misure preparatorie per acquistare Abs (Asset backed securities), titoli obbligazionari con tanto di cedola da incassare alla scadenza e che verranno emessi per coprire dei prestiti a favore delle piccole e medie imprese. Un pacchetto di misure che, ha spiegato Mario Draghi, dovrà riportare l'inflazione "vicina ma inferiore al 2%". Predisposti anche i nuovi TLTRO, prestiti a lungo termine alle banche che però dovranno impiegare quel denaro per aprire i rubinetti del credito a favore di famiglie e imprese, a differenza di quanto fatto finora. La Bce se questo non dovesse bastare è pronta a procedere rapidamente con un allentamento monetario in grande stile. Il governatore Draghi ha aggiunto che i nuovi prestiti vincolati alla concessione di credito da parte delle banche richiederanno dai 3 ai 4 trimestri per impattare sull'economia reale.

Nessun intervento straordinario di politica monetaria, a quanto pare l'acquisto di bond (contro il rischio deflazione) da parte della Bce può attendere. L'istituto centrale europeo prosegue sulla strada percorsa fin qui tagliando ancora i tassi di interesse di riferimento, cioè il costo del denaro nell'eurozona, al nuovo minimo storico dello 0,15% dallo 0,25% precedente.

La vera novità è che i tassi dell'area euro diventano negativi sui depositi, a -0,1%, nell'ottica di favorire l'aumento dei prestiti alle imprese. Parliamo dei depositi detenuti dalle banche presso l’Eurosistema, costituito dalla Bce e dalle banche centrali nazionali.

Il tasso di interesse marginale è stato invece tagliato da 0,75% allo 0,4%. In soldoni il tasso di interesse sui depositi presso la Banca centrale europea è il tasso minimo che viene pagato mentre il tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento marginale è quello massimo. Tutt'e due i tassi servono alla Bce per controllare la liquidità che circola in Eurolandia.

In una nota la Bce spiega comunque che alle 15:30 di oggi saranno annunciate:


"ulteriori misure per migliorare il funzionamento del meccanismo di trasmissione della politica monetaria"

Le borse europee, alla finestra stamattina, dopo le decisioni di politica monetaria comunicate dalla Bce accelerano il passo con Piazza Affari che fa meglio delle altre, guadagnando l'1,3%. Seguono a ruota la borsa da Parigi (+0,48%) e quella di Madrid (+0,8%).

Sul secondario italiano dopo le comunicazioni dell'Eurotower lo spread fra Btp e Bund decennali è calato di colpo di tre punti base, da 158 a 155, mentre sul mercato dei cambi l'euro è immediatamente sceso rispetto al dollaro a 1,3575, valore minimo degli ultimi quattro mesi.

(Nel video in alto: Bce, tassi di interesse fermi allo 0,25% - aprile 2014)

BCE Taglia i tassi d'interesse 0,15%

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail