Il Misery Index di Confcommercio sale ad aprile

Il tasso di disoccupazione esteso è del 16,6% ad aprile.

Il Misery Index di Confcommercio, valutazione macroeconomica del disagio sociale, sale dello 0,1% ad aprile, passando da 21,2 a 21,3. L'incremento è da ascrivere alla crescita dell'inflazione dello 0,1% per i beni e servizi ad alta frequenza di acquisto, e dell'aumento dello 0,1% della disoccupazione estesa.

Ad aprile 2014 infatti il tasso di disoccupazione ufficiale è rimasto invariato al 12,6%, ma in aumento dello 0,6% su base tendenziale.I disoccupati in valore assoluto sono 3 milioni 216 mila, 14 mila unità in meno sul precedente mese di marzo ma in aumento di 138 mila unità rispetto ad aprile del 2013.

Gli occupati ad aprile di quest'anno sono diminuiti di 68 mila unità rispetto a marzo e di 181 mila unità rispetto ad aprile dell'anno scorso.
Sempre ad aprile 2014 le ore autorizzate di cassa integrazione (cig) sono state 87 milioni, in calo dai 100 milioni di marzo e dai 100 milioni dello stesso periodo del 2013. Il numero di persone in cig sale così dalle 296 mila unità di marzo alle 301 mila unità stimate per aprile.

Il numero di scoraggiati è calcolato in aumento da 841 mila unità di marzo a 849 mila unità di aprile 2014. Se ai disoccupati ufficiali si aggiunge la somma delle persone in cig e degli scoraggiati ad aprile si ha un tasso di disoccupazione esteso del 16,6%, lo 0,1% rispetto al precedente mese di marzo.

(Nel video in alto: Il Misery Index di Confcommercio - dicembre 2013)

misery index confcommercio

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail