Pensione anticipata, congedi e scioperi: le istruzioni INPS

L'Inps chiarisce sulla questione della penalizzazione della pensione anticipata, su congedi e scioperi ai fini pensionistici.

In materia di pensioni l’Inps precisa nel messaggio n. 5280 del 2014, istruzioni condivise con il ministero del lavoro, che il congedo matrimoniale, quello per le cure termali e i giorni di sciopero non rientrano nel concetto di effettiva prestazione di lavoro, a differenza invece delle giornate di ferie.

Quindi tali giorni di congedo non sono da considerare come periodi d’anzianità contributiva utilizzabili ai fini dell’esclusione della penalizzazione in caso di pensionamento anticipato entro e non oltre la data del 31 dicembre 2017.

La penalizzazione economica per la pensione anticipata comporta un -1% per ogni anno di anticipo prima dei 62 anni di età. Le istruzioni dell'Istituto nazionale di previdenza sono relative alle pensione anticipata in regime misto alla quale possono accedere quei lavoratori che hanno iniziato a lavorare prima del 1° gennaio 199.

Per queste pensioni la riforma del 2012 dell'ex ministro del Welfare Elsa Fornero, quella che ha creato la questione esodati per lavarsene poi le mani (legge n. 214/2011), ha previsto una ulteriore forma di penalizzazione per chi sceglie lo scivolamento anticipato e cioè la riduzione d’importo dell’1% della quota retributiva, per ogni anno di anticipo rispetto all’età anagrafica di 62 anni; riduzione che viene innalzata al 2% per ogni anno di anticipo in più rispetto a due.

Pensioni Bilancio sociale INPS 2012

  • shares
  • Mail