Censis, allarme disoccupazione tra gli over 50: in aumento del 146%

La disoccupazione non è soltanto un problema giovanile. Ecco cosa rivela l'ultimo studio del Censis.

La disoccupazione è una delle piaghe che da tempo infligge il nostro Paese, arriva al top, secondo gli ultimi dati Istat, dal 1977. Oggi il Censis rincara la dose lanciando l’allarme sul fronte della disoccupazione tra gli over 50.

Il problema, infatti, non riguarda soltanto i più giovani (46,0%). Tra quei 24,5 milioni di cittadini italiani di età compresa tra i 50 e i 70 anni solo il 25% circa risulta impiegato. 6,7 milioni di persone, per la precisione: circa 4 milioni di uomini e 2,6 milioni di donne.

Con la crisi il segmento degli adulti di 50-70 anni sembra abbandonato al triste destino di esuberi, prepensionati, esodati, staffettati, senza alcun meccanismo utile per conservare almeno una porzione di quell'importante capitale umano.

Secondo i rilievi del Censis, negli ultimi sei anni i disoccupati over 50 sono aumentati del 146%: nell’ultimo anno hanno raggiunto le 438mila unità, mentre nel 2008 si attestavano intorno alle 93 mila persone.

Ma i dati diventano ancora più allarmanti se si prende in considerazione soltanto l’ultimo anno. Tra il 2012 e il 2013 c’è stato un incremento 17,2%.

Se avere un impiego non è mai stato così difficile, soprattutto per i giovani si è contestualmente ridotto l'orizzonte di opportunità anche per chi ha oggi 50 anni. Insomma gli over cinquantenni, anche a causa del prolungamento dell'età pensionabile, si trovano a competere con i ventenni per conquistare il lavoro che non c’è.

E’ quanto osserva l’Istituto, che ha presentato questi dati nell'ambito dell'appuntamento annuale di giugno “Un mese di sociale", quest’anno dedicato al tema I vuoti che crescono”.

Disoccupazione record aprile

Via | Censis

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail