Industria, Istat: prezzi alla produzione -0,1% a maggio, -1,4% annuo

I cali maggiori si registrano sui prezzi dei prodotti venduti sul mercato interno.

A maggio 2014 l’indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali è calato dello 0,1% rispetto al mese precedente e dell’1,4% su base tendenziale, cioè rispetto a maggio 2013, secondo quanto comunica oggi l’Istat.

I prezzi dei beni e prodotti venduti sul mercato domestico mostrano variazioni negative dello 0,1% su aprile e dell’1,7% su base annua. Al netto del comparto energetico la diminuzione è dello 0,1% sul mese precedente mentre la variazione tendenziale è nulla.

I prezzi dei beni venduti all'estero rimangono stabili a maggio 2014 rispetto al mese precedente, con un calo dello 0,2% per l’eurozona e una variazione positiva dello 0,1% per l’area non euro. Su base annua l'Istat segnala una flessione dello 0,6%, sintesi di un -0,7% per l’area euro e un -0,3% per quella non euro.

L'analisi di settore relativa alla dinamica tendenziale dell’indice generale mostra che per il mercato interno il comparto più rilevante è quello energetico: -1,5 punti percentuali.

Sul mercato estero invece i contributi più ampi al calo sono da imputare ai beni intermedi per l’eurozona (-0,6 punti percentuali) e a quelli strumentali per l’area non euro (-0,2 punti percentuali).

Nel settore manifatturiero, le riduzioni tendenziali dei prezzi più significative sono ascrivibili per il mercato interno al settore della metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchine e impianti) e per il mercato estero al settore della fabbricazione di prodotti chimici, con variazioni rispettivamente pari a -1,5% e -3,7%.

PIL Italia Istat

  • shares
  • Mail