Germania, approvato il salario minimo: 8,5 euro l’ora

Dopo l’approvazione del Bundestag, restano sette i paesi dell’Ue senza la paga minima oraria, Italia compresa

È stato approvato quest’oggi, in Germania, il salario minimo, una conquista sociale e sindacale che – come ricordato dal ministro del Lavoro, Andrea Nahles, è costata dieci anni di discussioni e scontri. Al Bundestag la maggioranza è stata schiacciante: 535 voti favorevoli e 66 contrari. Il disegno di legge era stato presentato in primavera e si applicherà ora in tutta la Germania,

a Est e a Ovest, a tutti i lavoratori e finalmente introdurrà stipendi dignitosi per milioni di persone che pur avendo lavorato diligentemente sono state sottopagate,

ha dichiarato il ministro Nahles. La cifra base sarà di 8,5 euro l’ora e riguarderà un bacino di quattro milioni di lavoratori. La parte maggiormente interessata dalla riforma sarà l’Est con una percentuale di lavoratori coinvolti fra il 25 e il 30% e quella dei bassi Land dove la riforma riguarderà il 10-15% della forza lavoro.

Si tratta di una vittoria significativa che i socialdemocratici potranno spendere con l’elettorato: il salario minimo, infatti, è stata una delle pietre basali della Grande Coalizione, la principale “merce di scambio” per il patto di governo fra Spd e la Cdu di Angela Merkel.

Il salario minimo si applicherà a partire dal 1° gennaio e avrà pochissime eccezioni: solo i minori di 18 anni potranno lavorare a una cifra più bassa del salario.

Non sono mancate le critiche al provvedimento, come quella di Deutsche Bank che stima fra i 450mila e il milione i posti di lavoro a rischio in seguito all’applicazione del nuovo salario minimo. Fra i 28 Paesi dell’Ue restano sette quelli senza salario minima, Italia compresa.

GERMANY-POLITICS-MERKEL

Via | Il Sole 24 Ore

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail