Istat: lieve aumento della spesa delle famiglie ma potere d'acquisto in calo

Considerando l’inflazione il potere di acquisto è in calo dello 0,1% sul trimestre precedente e dello 0,2% su base annua.

Secondo le rilevazioni dell'Istat nel primo trimestre dell'anno c'è stato un leggero aumento della spesa delle famiglie italiane ma il reddito disponibile è rimasto invariato e il potere di acquisto, che nel 2013 è crollato ai livelli del 1995, è diminuito ancora, seppur lievemente.

Nel periodo gennaio-marzo 2014 il reddito disponibile delle famiglie è rimasto stabile sul trimestre precedente aumentando invece dello 0,6% rispetto allo stesso periodo del 2013.

Considerando l’inflazione, il potere d'acquisto risulta in calo dello 0,1% rispetto ai tre mesi precedenti e dello 0,2% su base tendenziale. La spesa per i consumi delle famiglie è invece cresciuta dello 0,2% sia rispetto agli ultimi tre mesi dell'anno scorso, sia rispetto ai primi tre mesi dello stesso 2013.

Sempre secondo l'istituto statistico la propensione al risparmio delle famiglie è stata pari al 10% nella prima parte del 2014, in flessione dello 0,2% sul trimestre precedente e in aumento di 0,4 punti percentuali su base annua.

Il tasso di investimento è stato pari al 6,2%, dato stazionario su base trimestrale ma in calo di 0,1 punti percentuali rispetto al primo trimestre del 2013.


Famiglie senza reddito da lavoro in Italia nel 2013 - Dati Istat

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail