Mobile banking: il conto corrente gestito con lo smartphone

L'utilizzo dello strumento è più che raddoppiato in un anno.

Gestire il conto corrente direttamente dal proprio smartphone o tablet sta diventando sempre più facile grazie alle App gratuite studiate e messe a disposizione della clientela dalle banche.

L'utilizzo del mobile banking negli ultimi 12 mesi è più raddoppiato. Con l’implementazione delle nuove tecnologie i correntisti possono fare diverse operazioni che prima magari erano costretti a fare allo sportello e cioè controllare i movimenti in entrata e uscita, il saldo del proprio conto corrente o inviare bonifici direttamente dal cellulare.

Gli istituti di credito seguendo il trend dell’accresciuta diffusione di smartphone e altri dispositivi mobili connessi a internet hanno allargato la loro offerta, in una prospettiva ormai sempre più multicanale, concentrandosi appunto sul mobile banking, che permette di gestire comodamente e in qualsiasi luogo ci si trovi il proprio conto.

Secondo uno studio fatto dall’Abi (Associazione bancaria italiana) in collaborazione con Gfk-Eurisko la metà dei clienti delle banche usa internet, potendo così avere dimestichezza con i servizi online messi a disposizione (si pensi ad esempio ai servizi di home banking offerti dai diversi istituti).

Bene, secondo l’indagine in un anno l’uso del mobile banking si è più che duplicato. Il motivo - secondo l’indagine di Ing "Empowerment finanziario nell’era digitale" eseguita in 13 paesi per un campione di 12.000 risparmiatori -, è che il mobile banking è ritenuto uno strumento che garantisce un controllo maggiore e più diretto sulle proprie finanze.

Oltre 8 italiani su 10 sostengono infatti di aver migliorato la gestione del proprio denaro dopo aver avuto accesso ai servizi bancari connettendosi con telefoni cellulari e tablet.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail