Padoan alla Camera: "ritardi sulla ripresa, margini più stretti"

Informativa del ministro in aula a Montecitorio

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan nella sua informativa di stamattina presso l'aula della Camera mette in guardia sulla ripresa che l'Italia insegue senza agganciare, fanalino di coda tra i Paesi dell'eurozona.

Padoan osserva che gli ultimi "dati macroeconomici indicano un ritardo per il ritorno alla crescita" comportando "margini più stretti per il governo" che non limiteranno però "una decisa azione di riforma". L'esecutivo ha detto il titolare di Via XX settembre: "è determinato a preservare" l'azione intrapresa "di consolidamento dei conti" e di attenzione "alla crescita".

Secondo Padoan il sentiero di operatività per l'azione del governo si fa più stretto "ma non per questo si indebolisce la prospettiva di medio-termine indispensabile per quel salto di qualità di cui il Paese ha bisogno tramite una decisa azione di riforma. Questa prospettiva è anche necessaria per il mantenimento dell'equilibrio difficile tra consolidamento dei conti pubblici e sostegno alla crescita e all'occupazione e che il governo è determinato a preservare".

I pilastri dell'azione di governo governo sono tre: più apertura di mercato, riforme strutturali e più investimenti per la crescita. Secondo Padoan: "le riforme strutturali devono interessare tutti i paesi, perché i ritardi sono stati accumulati molto prima che la crisi si sviluppasse". Servono inoltre "più investimenti per la crescita attivati con diversi canali, pubblici e privati. Compito della politica economica del nostro governo è quello di dare segnali giusti, che influenzino positivamente le aspettative. L'idea dell'agenda dei 1.000 giorni è questa, ovviamente riempita di contenuti e proposte concrete e su questo il governo sta lavorando".

Il ministro ha poi rassicurato sul fatto che "il taglio del cuneo fiscale sarà reso permanente con la legge di stabilità", le famose 80 euro in più, e che "il rimborso dei debiti della pubblica amministrazione, attualmente in corso, verrà ulteriormente rafforzato".

Ministero Economia commenta raccomandazioni UE

  • shares
  • Mail