Bonus 80 euro: rischia di saltare l'estensione a partite iva e pensionati

"Non sono in grado di garantirlo, ci proveremo", fa sapere il premier Matteo Renzi.

"Gli italiani vadano in ferie tranquilli" ha detto ieri il primo ministro Matteo Renzi, ma le sue parole in verità faranno sì che gli italiani tanto sereni non riusciranno a stare in questa estate che, per il momento, ha portato la conferma che l'economia italiana non sta bene e la possibilità che il bonus di 80 euro non venga esteso a partite iva e pensionati. Era stata una delle prime critiche mosse al provvedimento del governo che ha portato buste paga più pesanti ai lavoratori dipendenti: in molti avevano notato come questa decisione lasciasse scoperto l'esercito di lavoratori che già non ha le garanzie dei dipendenti (tra cui, appunto, le partite iva) e non aiutasse in nessun modo quella che sempre più è una delle fasce più deboli della popolazione: i pensionati.

Il bonus di 80 euro anche per queste due categorie sarebbero però dovuto arrivare nel 2015, una promessa che Renzi ha confermato più di una volta: l'aumento in busta paga sarebbe diventato definitivo per tutti i dipendenti e contestualmente la platea di coloro i quali ne beneficiano sarebbe stata aumentata. Ieri però le sue parole sono suonate come una vera e propria retromarcia: "Non sono in grado di garantirlo, ci proveremo".

Quale sia la ragione per questa frenata è evidente: l'economia non sta migliorando come forse ci si aspettava (in un impeto di ottimismo che si è scontrato con i freddi numeri) e soprattutto le poche coperture che il governo ha a disposizione si stanno rapidamente esaurendo. Anche a causa di quell'utilizzo dei "tagli alla spesa per aumentare la spesa" che il commissario alla spending review Cottarelli ha denunciato nell'ormai famoso post sul suo blog.

Risultato? Nel 2015 sarà già abbastanza difficile trovare le coperture per il bonus ordinario, come si fa a garantire anche quello "extra"? Per il momento Renzi non ha comunque escluso la cosa, anche se fa pensare il fatto che un premier che fino a questo momento non si è certo distinto per elargire con parsimonia le sue promesse abbia preferito fare un netto passo indietro. Per vedere il bonus esteso alle partite iva e ai pensionati, probabilmente, dovrà arrivare qualche bella sorpresa sul fronte della ripresa economica. E la cosa non sembra proprio essere dietro l'angolo.

ITALY-POLITICS-ECONOMY

  • shares
  • Mail