Ristorante addio: pranzo al sacco per metà degli italiani in vacanza

L'indagine Coldiretti/Ixe' con la classifica dei menù da spiaggia.

Con il trend estivo imperante ormai da qualche anno, improntato alla vacanza mordi e fuggi e low cost, anche le abitudini alimentari degli italiani che riescono a concedersi qualche giorno di riposo cambiano, o meglio sono costrette a cambiare sotto l'imperativo del massimo risparmio possibile.

Secondo uno studio di Coldiretti quasi la metà, il 48%, degli italiani in vacanza porta con sé la colazione o il pranzo al sacco. Il cibo portato da casa insomma ritorna in auge nelle abitudini collettive, sicuramente per risparmiare ma anche per essere sicuri di quel che si mangia, roba genuina e di alta qualità. A guadagnarci sono le tasche delle famiglie, a perderci il settore della ristorazione.

L'indagine Coldiretti/Ixe' stila la classifica dei menù da spiaggia. Che cosa preferiscono mangiare i vacanzieri italiani sotto l'ombrellone?

Al primo posto per l'ora di pranzo la classica macedonia, prediletta da quasi un italiano su tre (29%), segue un altro cavallo di battaglia del pranzo al sacco, la freschissima insalata di riso che piace al 26% degli intervistati. Poi l'altrettanto celebre caprese, scelta dal 20% degli italiani.

Secondo Coldiretti tra i piatti preferiti ci sono anche le ricette della tradizione popolare come la frittata di verdure o di pasta, pietanze fatte a casa e portate in spiaggia dal 17% dei vacanzieri over 65. Resiste la parmigiana, scelta dal 5% degli italiani con buona pace della crescente attenzione alla dieta e alla linea.

A scendere in graduatoria sono invece le lasagne, che riscuotono solo l'1% delle preferenze. Chi non ha tempo per mettersi ai fornelli per cucinare opta per i tradizionali panini, il pranzo al sacco del 61% dei vacanzieri.

Vacanze-estive-e-crisi- 2014

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: