Commercio: vendite al dettaglio al palo a giugno, -2,6% annuo

Commercio ancora in seria difficoltà. Alimentari +0,1 mensile a giugno, -2,4 sull'anno

L'Istat comunica oggi che le vendite al dettaglio sono rimaste al palo a giugno, primo mese in cui oltre 10 milioni di italiani lavoratori dipendenti avrebbero potuto spendere il famoso bonus da 80 euro incassato a maggio.

L'indice è invece rimasto stabile su base mensile mentre su base tendenziale, rispetto a giugno dell'anno scorso, è calato del 2,6%. Nella media del trimestre aprile-giugno 2014 le vendite al dettaglio fanno segnare una flessione dello 0,2% sui tre mesi precedenti.

Rispetto al precedente mese di maggio, a giugno 2014 le vendite di prodotti alimentari sono in leggero aumento (+0,1%) mentre quelle di prodotti non alimentari in lieve calo (-0,1%).

Su base annua si registrano variazioni tendenziali negative sia per le vendite di prodotti alimentari (-2,4%) sia per quelle di prodotti non alimentari (-2,8%).

In relazione alla forma distributiva, rispetto al mese di giugno 2013, le vendite al dettaglio sono in diminuzione sia per le imprese della grande distribuzione (-1,3%) sia per quelle operanti su piccole superfici (-3,9%).

Nei primi sei mesi del 2014, l'indice grezzo della vendite nel settore commercio cala dell'1% rispetto allo stesso periodo del 2013, con le vendite di prodotti alimentari che mostrano una flessione dello 0,7% e quelle di prodotti non alimentari dell'1,1%.

Vendite al dettaglio maggio Istat

  • shares
  • Mail