Lo "scontrino parlante" risponde al Fisco per le detrazioni Irpef

Scontrino Non c'è più la legislazione di una volta, panta rei, tutto scorre e cambia senza sosta, ma ai fini fiscali è essenziale monitorare costantemente l'attività di governo altrimenti si rischia di incappare in spiacevoli sanzioni amministrative o di rinunciare a vantaggiosi detrazioni.

Carta canta per le detrazioni Irpef...

Il caso degli scontrini parlanti per i prodotti farmaceutici è emblematico. La Finanziaria in vigore quest'anno ha introdotto una serie di novità (v. ticket per il pronto soccorso) tra cui la detrazione sui medicinali subordinata al possesso del cosiddetto scontrino parlante, in cui devono essere specificati non solo natura, qualità e quantità del bene ma anche il codice fiscale del destinatario.
Che cosa si intenda per scontrino parlante lo specifica chiaramente la Legge Finanziaria n. 296/06

Scontrino parlante (articolo 1, commi 28 e 29). Scontrino parlante per la deducibilità delle spese per medicinali, contenente la specificazione di natura, qualità e quantità dei beni e l'indicazione del codice fiscale del destinatario. Fino al 31 dicembre 2007 l'indicazione del codice fiscale può essere riportata a mano sullo scontrino fiscale dal destinatario del farmaco.

Il provvedimento entrerà in vigore a partire dal 1 luglio 2007 e fino al 31 dicembre potrà essere indicato a mano il codice fiscale sullo scontrino. Sarà quindi necessario richiedere ed esigere la consegna dello scontrino con valenza fiscale al fine di dedurre e detrarre le spese per cure mediche.

... ma le Farmacie cambiano musica

Farmacie e corner farmaceutici sono in stato d'allerta per il possibile conflitto tra trasmissione dei corrispettivi ed emissione degli scontrini fiscali. Sempre in Finanziaria è infatti previsto una nuova disposizione in materia di trasmissione telematica dei corrispettivi che stabilisce quanto segue:

Trasmissione telematica dei corrispettivi (articolo 1, commi 327 e 328). Registratori di cassa, terminali elettronici e bilance elettroniche che rilasciano scontrino fiscale immessi sul mercato dal 1° gennaio 2008 devono essere idonei alla trasmissione telematica dei corrispettivi. Per questi apparecchi è consentita la deduzione integrale delle spese.

Se oggi le farmacie provvedano alla trasmissione in modalità spontanea senza alcun esonero dall'emissione degli scontrini, per i grossi centri commerciali invece la trasmissione telematica ormai obbligatoria consente il ricorso a registratori di cassa defiscalizzati, totalmente deducibili. Con l'apertura dei nuovi corner farmaceutici entro i grossi punti vendita quindi si presenta il problema dello scontrino parlante. L'unico documento rilasciabile infatti ai fini della detrazione Irpef per i clienti risulta quindi la classica fattura commerciale. A breve il problema potrebbe presentarsi anche nelle singole farmacie...quindi occhio allo scontrino!

  • shares
  • Mail