Babelgum inaugura la Web-TV in versione self-service

Babelgum Addio allo schematismo dei palinsesti e alla decadenza della programmazione TV e benvenuta alla televisione personalizzata e personalizzabile di qualità. Porta la firma di Scaglia, numero uno di Fastweb, il progetto di convergenza inaugurato a Londra dal singolare nome di Babelgum. Una web-TV dal valore di 10 milioni di Euro completamente gratuita trasmetterà i tradizionali programmi televisivi permettendo all'utente una selezione personale del palinsesto ma non la memorizzazione su pc delle trasmissioni. La differenza con le normali Iptv è data dall'elevata definizione del video con fruizione diretta in modalità streaming, che garantisce la tutela del copyright dei produttori. I programmi infatti saranno trasmessi tramite rete Internet mentre le tradizionali IPTV si basano sulla tecnologia telefonica predisposta con una seconda linea dedicata e non saranno fruibili su televisore ma su computer.

Cosa propone Babelgum?

Babelgum si presenterà al pubblico con 9 canali tutti, almeno inizialmente, in lingua inglese e accoglierà video esclusivamente prodotti da professionisti…lungi da Scaglia l'idea di replicare una rete di video amatoriali come avviene su YouTube. "La priorità sono i mercati di lingua inglese, poi partiremo con i contenuti in altre lingue", ha spiegato Scaglia. BabelNetworks, la società che ha sviluppato il software, ha sedi a Dublino e Londra, uffici in Italia e Francia e di prossima apertura negli Stati Uniti.

Il pannello di controllo nella sua versione Beta permette l'accesso a 2 aree: TV e video registrati (che attualmente è ancora vuota). Nella sezione Tv troviamo per il momento solo 9 canali (contro i 30 di Joost): TrailerTv, World, Shorts, Animation, News Now, Fun & Gossip, Blog Tv, Sports3 e Commercials.
Una volta collegati inizia lo stream, che è davvero rapido, infatti dopo massimo 4/5 secondi comincia il flusso video ed audio. La qualità video a mezzo schermo è molto buona, ma se mettiamo a schermo pieno non è assolutamente ai livelli DVD come promettono, probabilmente dipenderà anche da quanti utenti saranno collegati, infatti per la tecnologia p2p, più utenti saranno connessi contemporaneamente e maggiore sarà la qualità del flusso (da downloadblog).

Non di sola Joost è fatta la TV

Il nuovo progetto made in Italy, con sede in Inghilterra e diffusione mondiale sfida sul suo stesso terreno la neo-nata Joost (ex-Venice Project) inaugurata dai fondatori di Skype Niklas Zennstrom e Janus Friis, che ha appena siglato importanti accordi con emittenti televisive del calibro di Viacom (Paramount movie studio, MTV, Comedy Central channel). Accoglie con un sorriso le provocazioni dei giornalisti sulla concorrenza di Joost l'imprenditore italiano che si dice contento della presenza di un concorrente "apripista" su una nuova tecnologia.

L'affare si prospetta colossale solo per i proventi pubblicitari stimati: 225 milioni nei soli Stati Uniti.
La versione beta sarà disponibile entro settimana prossima mentre il lancio ufficiale sarà previsto per fine aprile e per poter accedere alla web-TV basterà scaricare un SW completamente free da Internet e magicamente si proietteranno sul nostro monitor immagini ad alta definizione.

  • shares
  • Mail