Aumento dell'Iva nella Legge di Stabilità 2015

Nella finanziaria che non doveva aumentare le tasse spuntano l'aumento dell'Iva ordinaria e delle accise su benzina e gasolio. L'esecutivo Renzi vuole rassicurare l'Europa sul pareggio di bilancio e lo fa con i previsti aumenti di Iva e accise.

Tra le amare sorprese contenute nella bozza della legge di stabilità del governo Renzi c'è anche un nuovo aumento dell'Iva standard, un incremento che sarà spalmato su tre anni per l’aliquota del 22% e su due per quella del 10%. E ancora aumenti alle accise per i carburanti e il taglio delle detrazioni fiscali da 4 mld. Tutte misure contenute nella finanziaria approvata venerdì dal Cdm, con la pesante sforbiciata alle detrazioni la cui entrata in vigore è stata rinviata di un anno, al 2016.

Nell’articolo 45 del ddl stabilità, al capitolo "Ulteriori misure di copertura" si prevede anche un taglio al fondo per la riduzione della pressione fiscale. Nella bozza della legge che non doveva aumentare le tasse il governo Renzi non precisa di quanto percentualmente aumenterà l'Iva ordinaria, salita al 22% dal primo ottobre 2013, ma come ipotizza Italia Oggi, anche se l'aggravio fosse di un solo punto percentuale l'incremento sarà automatico a partire dal 2016 per arrivare a un'aliquota al 25% per il 2018. Tutto ciò con buona pace per quella spinta ai consumi che forse ora Renzi - incassato il flop del bonus di 80 euro su questo fronte - attende dall'anticipo del Tfr in busta paga.

Quindi il governo con la manovra approvata annuncia in pompa magna 18 mld di tasse tagliate, tagli che saranno però finanziati con altri aumenti di tasse: con una mano si dà e con l'altra si toglie. L'esecutivo vuole rassicurare l'Europa sul pareggio di bilancio 2017 e lo fa con i previsti aumenti di Iva e accise.

Senza contare che ora incombe anche il taglio delle detrazioni e delle agevolazioni fiscali, eredità dalla legge finanziaria 2014. La clausola di salvaguardia prevista dalla scorsa manovra sforbicia di 3 miliardi le agevolazioni a partire dal 2015, in assenza di una razionalizzazione alla spesa pubblica. Il taglio è stato rinviato di un altro anno, al 2016, per 4 mld che saranno 7 nel 2017.

Nell'ultima Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza (DEf) si spiega che l'aumento delle tasse ha un valore di "12,4 miliardi nel 2016, di 17,8 nel 2017 e di 21,4 miliardi nel 2018". Con tanto di effetti recessivi che il ministero dell'Economia quantifica in 0,7 punti di Pil a fine periodo. Questo al di là della propaganda di governo sulla ripresa e si come favorirla.

aumento iva 23%

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: