Aste immobiliari: chi offre di più?

Aste immobiliari Riluttanti ad affidare le trattative commerciali del vostro focolare a spietati agenti immobiliari che non esitano nel disturbarvi giorno e notte ma soprattutto notte per sapere se nel vostro condominio ci sono appartamenti in vendita? Comprensibile ma le alternative per piazzare un appartamento sul mercato in tempi ragionevoli non sono molte...ad eccezione di una nuova pratica che sarà ufficiale da oggi nella Capitale. Si tratta del meccanismo delle aste immobiliari, ben diverse dalle più conosciute ed esorcizzate aste giudiziarie con cui si attua la vendita forzata di un bene nel caso di insolvenza debitoria di privato o soggetto societario. Non si tratta quindi di pignoramento ma di libera offerta in libero mercato.

La prima casa sarà battuta proprio oggi nella Capitale dalla Borsa Immobiliare di Roma, satellite della Camera di Commercio che garantisce un meccanismo di vendita semplice e sicuro.

Tempistica

I tempi sono decisamente ristretti rispetto ad una qualsiasi trattativa "tradizionale", infatti in sole 6 settimane si arriva alla vendita dell'immobile. Il compromesso è firmato dalle parti cinque giorni dopo l'asta. La relazione notarile ed il fascicolo dell'immobile permettono all'acquirente di conoscere nei dettagli il reale stato di fatto e di diritto dell'immobile e quindi di evitare rischi ed imprevisti (v. articolo)

Costi e procedure

La procedura consiste in una preliminare fase di stima da parte degli agenti accreditati alla Borsa immobiliare incaricati di raccogliere i documenti necessari alla relazione notarile, di effettuare la stima e di redigere l'avviso d'asta. Appurato che la documentazione sia in regola si procede all'asta vera e propria, i cui costi verranno equamente ripartiti nell'ordine del 2% tra venditore, che dovrà sostenere i diritti di segreteria (250 euro) e il costo di aggiudicazione, e controparte acquirente, tenuta a corrispondere il costo di aggiudicazione, come spese di servizio d'asta. Chi vuole partecipare all'asta deve, insieme alla domanda e al deposito cauzionale, presentare una offerta segreta in busta chiusa. Il giorno dell'asta il battitore apre tutte le buste pervenute con le offerte segrete e verifica le cinque migliori offerte valide, di cui la più alta diventa la base d'asta.
Una volta accettata la richiesta d'asta l'immobile è pubblicizzato gratuitamente dalla BIR sulle testate ritenute più efficaci in relazione alla tipologia, sul mensile della BIR "Proposte" e sul sito www.astebir.it. L'immobile è messo a disposizione per essere visitato da tutti gli interessati.

Come funzionano le aste immobiliari?

Le aste sono pubbliche e quindi aperte a privati, società, agenti immobiliari, commercialisti, avvocati, enti, banche, operatori finanziari e possono riguardare tutti i tipi di proprietà. Si tratta di una normale asta al rialzo in cui i cinque migliori offerenti sono poi ammessi a presentare offerte palesi rispetto alla base d'asta. L'immobile è aggiudicato se l'ultima offerta è superiore al prezzo di riserva (cioè il prezzo non noto all'offerente al di sotto del quale il richiedente l'asta si riserva di non accettare) o se il venditore decide di accettare comunque. In caso contrario l'Aggiudicatario provvisorio avrà tre minuti per modificare la sua offerta rendendola pari al Prezzo di Riserva. In questo caso si aggiudicherà l'immobile. Qualora non lo facesse i rimanenti quattro partecipanti - in ordine decrescente di offerta - avranno la stessa possibilità di rilanciare le proprie offerte, fino a che venga proposta una offerta pari al Prezzo di RISERVA. In caso contrario il lotto resterà invenduto.

Informazioni:

Numero verde 800727357
aste@borsaimmobiliare.roma.it
sito www.astebir.it

  • shares
  • Mail