Prostituzione in aumento, Codacons: vale 3,6 miliardi all'anno

Il Codacons presenta il suo primo calendario sui sex workers.

La crisi economica sembra non aver per niente interessato il mercato della prostituzione che anzi in questi ultimi 6-7 anni è cresciuto per un giro d'affari del settore pari a 3,6 miliardi di fatturato all'anno. Numeri che si rispecchiano nell'aumento del numero delle persone coinvolte: sono 3 milioni di clienti e 90.000 lucciole attive in Italia.

A fornire questi dati è una ricerca presentata ieri dall'associazione dei consumatori Codacons, con il suo primo calendario sui sex workers. Più in dettaglio nel 2007 il fatturato della prostituzione in Italia era stimato in qualcosa come 2,86 miliardi di euro: circa 70.000 prostitute attive sul territorio a cui si rivolgevano 2,5 milioni di clienti. Il giro d'affari del settore è quindi cresciuto del 25,8% dal 2007 a oggi.

Negli ultimi anni c'è stato poi una progressiva flessione del numero di prostitute che operano in strada, che rappresentano comunque ancora la fascia più consistente del fenomeno essendo il 60% del totale. Tuttavia secondo il Codacons sempre nello stesso arco di tempo c'è stata una forte crescita nel numero di squillo che lavorano invece in casa o altre strutture non all'aperto (40%).

Sul totale delle donne che si prostituiscono nel nostro paese, il 10% è minorenne mentre il 55% è costituito da straniere. In media la spesa media dei clienti abituali si aggira sui 100 euro al mese ma come spiega lo studio dell'associazione dei consumatori i costi delle prestazioni sono parecchio diversificati a seconda del servizio reso: per una escort anche 500 euro per poche ore, visto che la prestazione per cui si paga spesso include anche il ruolo di accompagnatrice.

Prostituzione codacons

  • shares
  • Mail