Petrolio ai minimi da oltre 5 anni, prezzi dei carburanti in calo

Prezzi dei carburanti giù come conseguenza del calo del prezzo del greggio, la rilevazione odierna di Staffetta Quotidiana.

Prezzi del petrolio sempre in calo: sui mercati asiatici il Brent oggi continua la sua corsa al ribasso, ai minimi da 5 anni e mezzo, da luglio 2009, dopo aver toccato quota 63 dollari al barile in scia ai timori di un eccesso di domanda a livello mondiale.

Il Wti cede 53 centesimi a 59,41 dollari al barile dopo aver toccato i 58,8 $. Il crollo del prezzo del greggio si ripercuote sulle rete di distribuzione nazionale, con decisi ribassi sui prezzi dei carburanti praticati oggi alla colonnina.

Secondo le rilevazione di Staffetta Quotidiana, stamattina dopo la mossa al ribasso di ieri del market leader Eni tutte le compagnie si sono adeguate ritoccando i listini dei carburanti con Tamoil che risulta la più conveniente sia per fare benzina che diesel, i cui prezzi sono stati tagliati di 2 centesimi.

Esso invece ha tagliato i prezzi di 1,5 centesimi su entrambi i prodotti (e di -1 cent sul Gpl), IP -1 centesimo su tutt'e due, Q8 -1,5 centesimi sia sulla verde che sul gasolio, Shell -1,5 centesimi sulla benzina e -1 sul diesel e TotalErg -1,5 centesimi su entrambi i carburanti.

Le medie ponderate nazionali dei prezzi tra le diverse compagnie in modalità servito sono dunque in calo con la benzina che si attesta a 1,647 euro al litro, cioè -0,9 centesimi, e il diesel a 1,567 euro, -0,8 centesimi.

Il Gpl Eni rimane fermo a 0,666 euro al litro. In controtendenza del metano, di nuovo in lieve aumento (+0,1 centesimi) a 0,994 euro al kg.

Benzina prezzi in calo oggi 12 dicembre 2014

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail