Edilizia semplificata, modello unico per tutti i Comuni

Semplificazione burocratica: le due nuove comunicazioni di inizio lavori, Cil e Cila rispetto alle precedenti permettono di iniziare subito i lavori.

Un modello unico, standard, utilizzabile da tutti gli 8.000 comuni italiani per i piccoli interventi di edilzia che non comportano interventi strutturali su immobili ed edifici. Sulla via della ricercata semplificazione burocratica e della semplificazione dei rapporti tra enti locali e cittadini.

La novità è stata illustrata ieri durante la la Conferenza unificata Stato-regioni che in anticipo ha approvato i modelli previsti dal decreto Sblocca Italia, nell'ambito l’attuazione dell’Agenda per la semplificazione 2015-2017 predisposta dal governo Renzi.

Cosa cambia? Ad esempio per aprire porte o spostare pareti dentro un appartamento non servirà più nessun nullaosta, occorrerà soltanto compilare il modello e farlo asseverare da un tecnico in materia.

Per i manufatti rimovibili, opere di pavimentazione di spazi esterni, pannelli fotovoltaici e per le aree ludiche non sarà più necessario attendere il via libera del professionista.

Ora regioni e comuni hanno 60 giorni di tempo per rendere operative e attuare le due nuove comunicazioni di inizio lavori, Cil e Cila, approvate. Queste rispetto alle precedenti e tradizionali autorizzazioni - Scia, SuperDia e Permesso di costruire - permettono di iniziare subito i lavori, appunto nell'ottica della perseguita semplificazione degli adempimenti per cittadini e imprese.

Gli schemi unici Cil e Cila sono scaricabili dal sito Edilizia e Territorio. Questo è il secondo passo dopo l’approvazione a giugno dei moduli unici di Scia e Permesso di costruire, modelli che le Regioni starebbero adottando con risultati in corso di verifica da parte dei tecnici dell’Unità per la semplificazione della Funzione pubblica.

modello unico  lavori in casa comuni

  • shares
  • Mail