Istat: disoccupazione in calo a dicembre, giovanile ai minimi da un anno. Camusso "contratti non sani"

+93 mila occupati. Il tasso di disoccupazione giovanile è ai minimi da un anno su base congiunturale ma sale dello 0,1% su base annua

Aggiornamento 12:15. "Il calo della disoccupazione è legato a una serie di fattori tra cui anche quello di aver peggiorato le condizioni delle partite Iva e di non essere intervenuti sulla definizione di forme contrattuali sane" dice la leader della Cgil Susanna Camusso commentando i dati diffusi oggi dall'Istat.

La disoccupazione giovanile a dicembre 2014 cala dal 43% al 42% ai minimi - si fa per dire - da oltre un anno.

L'Istat comunica oggi i dati spiegando che nell'ultimo mese dell'anno scorso la diminuzione rispetto al mese precedente è stato di un punto percentuale ma il tasso di disoccupazione giovanile è salito dello 0,1% su base tendenziale, cioè rispetto a dicembre del 2013.

Dal computo della disoccupazione tra i giovani sono esclusi gli inattivi, ovvero quelli che non sono occupati e non cercano nessun lavoro, ad esempio perché impegnati negli studi o perché talmente sfiduciati da non provarci neanche.

A dicembre 2014, periodo in cui l'occupazione risente di effetti stagionali visti la maggiore richiesta di lavoro per le festività natalizie, risultavano occupati 918mila giovani tra i 15 e i 24 anni, per un calo dello 0,7% (-7mila unità) su base congiunturale e del 3,6% su base annua (-34mila unità).

Il tasso di occupazione giovanile si è attestato al 15,4%, 0,1 punti percentuali in meno rispetto al mese precedente e 0,5 punti in meno su base tendenziale. Il numero di giovani disoccupati, pari a 664mila unità, è calato del 4,7% nell'ultimo mese (-33mila unità) e del 3,1% rispetto a dicembre del 2013 (-21mila unità).

Il tasso di disoccupazione generale in Italia a dicembre, comunica ancora l'Istat, è pure in discesa al 12,9%, 0,4 punti percentuali in meno rispetto al mese precedente ma è in aumento su base annua di 0,3 punti percentuali.


"il calo osservato nell'ultimo mese è il primo segnale di contrazione della disoccupazione dopo un periodo di crescita che si è protratto nella seconda metà dell'anno"

spiegano dall'Istituto nazionale di statistica.

A novembre 2014 il tasso di disoccupazione generale aveva toccato un nuovo record in Italia, al 13,4%, quella giovanile era al 43,9%, dato rivisto al ribasso secondo le percentuali comunicate oggi. In tutt'e due i casi si trattava dei massimi storici.

Disoccupazione giovani ai minimi

  • shares
  • Mail