Apple bond: nuova emissione per 6,5 miliardi di dollari

Apple aumenta l'offerta dopo la domanda boom da circa 15 miliardi di dollari per i suoi titoli obbligazionari

Apple, fresca di trimestrale record, è pronta ad aumentare la dimensione della nuova emissione obbligazionaria avviata ieri. Il colosso informatico con sede a Cupertino, in California, dai 5 miliardi di dollari iniziali ha aumentato l'offerta di collocamento a 6,5 miliardi vista la buona domanda.

Secondo indiscrezioni sarebbero arrivati ordini per circa 15 miliardi di dollari con Apple che punta molto sulla capacità d'attrazione dei suoi bond presso gli investitori con scadenze tra i cinque e i 30 anni offrendo sia il tasso fisso che il variabile.

Il titolo obbligazionario a dieci anni è stato offerto dapprima con un rendimento di 0,95 punti base sul Treasury Bond decennale americano e poi di 0,85 punti. I Il collocamento dei bond sarà gestito in primo luogo da Deutsche Bank e da Goldman Sachs. Quel che si incasserà con l'emissione sarà destinato al sostegno del piano di buy-back (ovvero l'acquisto di azioni proprie da parte della Mela morsicata) e alla distribuzione di dividendi.

L'ammontare dell'emissione seppur cresciuta visti i positivi riscontri di mercato è in ogni caso parecchio inferiore alle emissioni concluse da Apple negli ultimi due anni sul mercato USA. Ricordiamo che ad aprile Apple collocò ben 2 miliardi di obbligazioni, ma il record assoluto è stato registrato nel 2013 con un collocamento da 17 miliardi.

A novembre 2014 la multinazionale con sede nella Silicon Valley ha emesso i suoi primi bond in valuta estera a 8 e 12 anni per 2,8 miliardi di euro nel quadro del piano di emissione di titoli di debito messo a punto l'anno scorso per diversificare i propri canali di finanziamento.

apple bond

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: