Carburanti: prezzi in aumento per benzina e diesel

La rilevazione odierna di Quotidiano Energia. La mappa dei rincari

Proseguono gli aumenti di benzina e diesel sulla rete di distribuzione italiana carburanti, dopo i rincari dei prodotti registrati ieri sui mercati internazionali, oggi è il market leader Eni a ritoccare i prezzi consigliati di verde e gasolio, in modalità servito, di 2 centesimi al litro. Nelle ultime due-tre settimane si è invertito il trend che grazie al netto ribasso del prezzo del petrolio aveva fatto tirare un po' il fiato agli automobilisti italiani.

Secondo gli operatori di mercato dell'Aie (Agenzia internazionale dell'energia) i prezzi del greggio "non dovrebbero tornare ai livelli elevati precedenti in tempi brevi" ma "il mercato dovrebbe riprendersi un pò, riequilibrandosi dopo i tagli all'investimento a monte".

In base alla rilevazione odierna di Quotidiano Energia ad aumentare i prezzi dei benzina e diesel non è stata solo Eni ma anche Tamoil, di un centesimo su entrambi i prodotti, e IP, di 0,5 centesimi su tutt'e due i carburanti.

In questo quadro il prezzo medio praticato per la benzina in modalità servito va dall'1,625 euro di Eni all'1,640 di Q8 e Shell, con gli impianti No-logo che non vanno oltre 1,481 euro al litro.

Per il diesel si passa invece dall'1,543 euro al litro di Eni all'1,561 di Tamoil, con i distributori No-logo a 1,385 euro al litro. Il Gpl oscilla tra 0,590 euro al litro praticato da Esso e 0,628 euro alla colonnina di Shell, con le pompe No-logo ferme a 0,570 euro al litro.

Le punte massime di prezzo sempre in modalità servito servito, No-logo escluse, rilevate per tutti e tre i prodotti nell'Italia meridionale sono in salita a 1,712 euro al litro per la benzina e a 1,607 euro al litro per il diesel mentre sono stabili a 0,657 euro al litro per il Gpl. Anche i prezzi sul self sono in salita rispetto alla settimana scorsa.

Prezzi-benzina oggi

  • shares
  • Mail