Grecia chiede all'Eurozona estensione di 6 mesi del prestito

Il ministro delle finanze Varoufakis continua a mostrarsi ottimista sull'intesa da raggiungere con i partner europei sull'allargamento temporale del piano di aiuti. "Siamo sulla strada giusta, al massimo chiuderemo venerdì".

Aggiornamento ore 14.20 La Commissione dell'Ue considera la richiesta del governo greco di una estensione del prestito europeo "un segnale positivo", la Germania invece giudica la nuova proposta della Grecia non sufficiente. "La lettera di Atene non è una proposta che porta ad una soluzione significativa. In verità va verso la direzione di un prestito ponte, senza soddisfare le richieste del programma. La lettera non soddisfa i criteri definiti dall'Eurogruppo lunedì" si legge in una nota diffusa dal portavoce del ministero dell'Economia tedesco.

La Grecia ha presentato oggi la richiesta di estensione di 6 mesi dell'accordo sul prestito con l'eurozona secondo quanto comunicato stamattina da un funzionario del governo Tsipras. Il prestito scade il 28 febbraio.

Atene avrebbe richiesto l'estensione del "Master Financial Assistance Facility Agreement" con l'area euro. Se tale proroga dell'accordo sarà concessa i termini per il pagamento degli aiuti finanziari saranno comunque diversi rispetto alle condizioni dell'attuale programma di bailout.

L'Eurozona cederà alle richieste del governo ellenico? La Germania per bocca della cancelliera Angela Merkel avvisa che:

"la solidarietà e gli sforzi dei Paesi che ne beneficiano sono due facce della stessa medaglia e sarà sempre così"

Il premier Tsipras dal canto suo vuole mettersi definitivamente alle spalle oltre un lustro di austerità imposto alla Grecia dalla troika (Ue, Bce, Fmi) come contropartita per averla salvata dal default.

Dopo due convocazioni dell'Eurogruppo che si sono risolte in un niente di fatto, una nuova riunione dei ministri finanziari di Eurolandia dovrebbe tenersi venerdì. Intanto il ministro delle finanze greco Varoufakis continua a mostrarsi ottimista sull'intesa da raggiungere con i partner europei per l'allargamento temporale del piano di aiuti:

"Siamo sulla strada giusta sono ottimista e al massimo chiuderemo venerdì. La nostra proposta sarà scritta in modo tale che soddisferà le esigenze della Grecia e quelle del presidente dell'Eurogruppo"

ha detto il ministro da Atene.

La Bce invece ha già rinnovato i prestiti d'emergenza al governo greco, per due settimane, alzando la liquidità disponibile a 68,3 miliardi da 65 mld di euro. Segnale di fiducia a tempo che si basa sulla presunzione di solvibilità degli istituti di credito ellenici.

estensioene prestito greco

  • shares
  • Mail