La Fed promuove le banche USA: stress test superati

Federal reserve:banche promosse dagli stress test ma la prima per "voti" non è americana. I risultati completi saranno diffusi l'11 marzo

Tutte e 31 le principali banche americane o comunque operanti negli USA hanno passato il vaglio della Federal Reserve, la banca centrale statunitense. È la prima volta che capita e significa che gli istituti secondo i test della Fed sarebbero in grado di sopportare quasi indenni un'altra grave recessione.

Dopo la tempesta finanziaria scatenata dai famigerati mutui subprime scoppiata nel 2007 (prestiti in sostanza concessi senza garanzie per l'acquisto di casa) poi trasferitasi all'economia reale, gli stress test della Fed promuovono il sistema bancario statunitense, dopo l'intervento federale a sostegno dei grossi gruppi bancari che altrimenti sarebbero falliti e dopo un massiccio piano di Quantitative easing che per 6 anni ha sostenuto la ripresa dell'economia a stelle e strisce.

Dal 2009, cioè da quando sono iniziati gli stress test, l'esame è stato passato da tutti gli istituti, compresi sette stranieri operanti sul territorio USA. Di fronte a una nuova recessione, con un crollo del mercato azionario del 60%, una disoccupazione del 10% e un mercato immobiliare giù del 25%, le banche registrerebbero perdite per circa 340 miliardi di dollari massimo secondo lo scenario più apocalittico ipotizzato dalla Fed.

La soglia minima di capitalizzazione Tier 1 di tutti le 31 banche aggregate sarebbe pari all'8,2%, ben oltre il 5% fissato dalla Federal Reserve stessa come soglia minima.

I risultati definitivi saranno resi noti dalla Fed l'11 marzo quando l'istituto centrale americano metterà magari bocca su questioni interne alle banche, dalla distribuzione di dividendi, al riacquisto di azioni proprie, operazioni di acquisizione e così via.

Tra gli istituti promossi solo Morgan Stanley e Zions hanno superato di poco la soglia minima, mentre la migliore performance non la fa segnare una banca domestica ma Deutsche Bank, presa in considerazione per la prima volta e che in caso di crisi manterrebbe un Tier 1 del 34,7: occhio però perché sono però state prese in esame solo il 15% delle attività della banca negli States.

Escludendo l'istituto tedesco il miglior risultato è quello di Discover Financial Services con un Tier 1 di 13,9%, Wells Fargo lo ha invece pari al 7,4%, Jp Morgan al 6,5%, Citigroup all'8,2% e Goldman Sachs al 6,3%. Tra le europee che operano negli Stati Uniti, Hsbc ha un Tier 1 del 8.9%, Santander del 9,4%.

Federal Reserve Board Chairman Janet Yellen Speaks At The Federal Reserve Bank of Boston


© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail