Grecia, UE: "situazione seria". Tsipras "non credo a piani alternativi"

Il portavoce della commissione Ue: "Anche questa settimana la priorità è continuare a lavorare sugli impegni presi da Atene con l'Eurogruppo"

All'ottimismo del premier greco Alexi Tsipras sulla piena accettazione del piano di riforme greco da parte dell'Eurogruppo, fa da contraltare la Commissione europa che entro questa settimana, in vista del Consiglio Ue del 19 e 20 marzo, vuole che Atene giunga a un accordo con i creditori internazionali.

Solo così la Grecia potrà mettersi definitivamente alle spalle le politiche di austerity, tanto avversate dall'attuale esecutivo ellenico.


"Non credo che dovremo applicare piani alternativi perché il problema sarà risolto a livello politico con l'avvicinarsi del vertice Ue o, se necessario, al vertice stesso"

ha detto Tsipras al quotidiano domestico Ethnos.

Di "situazione seria" sulla Grecia ha parlato stamattina la portavoce della Commissione europea. Atene prima di negoziare ancora con i leader europei e l'Eurogrupppo, il quale ha concesso l'estensione alla Grecia del sostegno finanziario fino a giugno vincolandola a un piano di riforme, bisognerà completare i negoziati a livello tecnico.

"Anche questa settimana la priorità è continuare a lavorare sugli impegni presi da Atene con l'Eurogruppo"

ha spiegato stamattina il portavoce della Commissione Margaritis Schinas a Bruxelles.

"Le discussioni tecniche sono in corso, incluse quelle ad Atene. Questo è il momento del lavoro e non delle dichiarazioni. Come ha detto il presidente Jean-Claude Juncker è il momento dell'unità e non della divisione".

Il consiglio dei capi di Stato e di governo dell'Ue si terrà giovedì e venerdì prossimi, Shinas in proposito ha detto:

"Prima di riportare la questione a livello di vertice bisogna lavorare a livello tecnico. Questo lavoro è in pieno svolgimento e eviterò di commentare. Questo è il momento dei tecnici"

ha aggiunto il portavoce della commissione Ue in conferenza stampa.

Alexis Tsipras

  • shares
  • Mail