Riscatto laurea con rate decennali per gli avvocati

Gli avvocati potranno versare le somme dovute per riscattare gli anni di studio, di praticantato e di servizio civile e militare in un arco di tempo più esteso, dagli attuali 5 a 10 anni.

Gli avvocati possono riscattare ai fini pensionistici la laurea con rate decennali. È pronto il Regolamento per il riscatto della Cassa di previdenza forense sulla base del dettato dell’articolo 24 della legge numero 141 del 1992.

Nel dettaglio è ammesso il pagamento con rate fino a 10 anni del riscatto degli anni della laurea in giurisprudenza, del servizio militare, di quello civile e del periodo del praticantato (anche se svolto all’estero e comunque "per non più di 3 anni").

Oltre a questa novità è prevista anche la riduzione dell’interesse da corrispondere "dal 4% al 2,75% annuo". Le modifiche hanno avuto il via libera, come spiega stamane ItaliaOggi, dei ministeri vigilanti di Lavoro, Economia e Giustizia con una delibera firmata dal comitato dei delegati il 19 dicembre dell'anno scorso.

Il testo, di cui ItaliaOggi è in grado di anticipare dei contenuti, è ora pronto per esser pubblicato in Gazzetta Ufficiale con in calce in nome del direttore generale per le politiche previdenziali e assicurative del ministero del Welfare Concetta Ferrari.

La Cassa forense saluta con soddisfazione l’opportunità di saldare le somme dovute per riscattare gli anni di studio, di praticantato e di servizio civile e militari in un arco più "esteso, cioè, da 5 a 10 anni" come dice il presidente Nunzio Luciano. Le modifiche richieste sono state recepite, anche se si sono attesi "oltre due anni per il via libera" del governo. Meglio tardi che mai.

riscatto laurea

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail